Sabato, 23 Giugno 2018 | Login

rodiaSeconda trasferta consecutiva e secondo pareggio per i biancorossi che a Miglianico si mordono le mani per la vittoria sfumata solo nei minuti di recupero. In vantaggio nella prima frazione col primo centro in campionato di Mattia Rodia (foto) i biancorossi gestiscono con tranquillità l'incontro nella prima frazione ma sprecano il raddoppio. Al rientro dagli spogliatoi dopo un inizio sulla falsariga del primo tempo, il Penne perde campo nel finale con l'uscita di Rodia e sul filo di lana ne approfittano i locali: prima è strepitoso D'Amico con un intervento risolutivo che sembra battezzare il successo, poi in pieno recupero al 46' è il nuovo entrato Liberato a trovare l'angolo giusto in area e vanificare gli sforzi dei ragazzi di Giandomenico che già pregustavano la vittoria. Si torna subito in campo mercoledi nell'infrasettimanale quando i biancorossi ospiteranno al Comunale il Capistrello.

Con Balia ancora out a cui si aggiunge l'indisponibilità dell'ultimo minuto di Savini, mister Giandomenico conferma il suo 4-2-3-1 con Bianchini adattato sull'out sinistro; per il resto la squadra è totalmente confermata con Ballanti ad affiancare capitan Silvaggi in difesa, Carpegna e Camporesi sugli esterni, bomber Orta riferimento avanzato, Pagliuca e Reale a formare lo scudo di centrocampo.
Di contro l'ex biancorosso D'Ambrosio schiera i suoi con un duttile 4-3-3: Di Muzio è il perno offensivo affiancato da Fiaschi e Cocco, in mezzo al campo Battista agisce in cabina di regia, mentre la difesa è retta dalla coppia centrale Cinquino-Martelli.

Gara che stenta a decollare e dopo i primi minuti da sbadigli sono i biancorossi ad accelerare al quarto d'ora: prima è un anticipo provvidenziale sugli sviluppi di un corner a fermare Orta pronto alla deviazione, poi è Reale che dalla trequarti inventa una conclusione al volo che impegna seriamente l'estremo di casa costretto a volare a deviare in corner.
Il Penne sale gradualmente d'intensità, i locali provano a colpire di rimessa; al 24' è il turno di Cacciatore che su punizione dalla distanza impegna De Deo alle respinta a terra in corner, al 26' è invece Rodia che raccoglie un pallone vagante dal limite ma calcia alle stelle.
Il break dei locali si concretizza solo in un colpo di testa di Di Muzio alto sugli sviluppi di un corner, ma al 33' arriva il meritato vantaggio pennese con Cacciatore che imbecca Rodia nel corridoio centrale, l'esterno biancorosso resiste alla marcatura di un difensore di casa e si invola verso la porta infilando in rete la palla del vantaggio.
L'inerzia dell'incontro è ora decisamente dalla parte dei ragazzi di Giandomenico che al 37' si divorano il raddoppio: Cacciatore su punizione imbecca sul secondo palo Bianchini che tutto solo di testa riesce solo a sfiorare il pallone che si spegne a lato per questione di millimetri. Dopo un paio di belle azioni offensive vanificate da un'eccessiva leziosità, i biancorossi rischiano a sorpresa di subire il pari quando il guizzante Cocco al 41' trova spazio in area e lascia partire un bel pallonetto su cui D'Amico si supera volando a deviare in corner.

Al rientro dagli spogliatoi la gara non sembra mutare registro. Dopo appena 2 minuti ancora rimpianti in casa pennese quando Cacciatore appoggia per Carpegna il cui cross è ciccato di prima intenzione da Rodia che libera sul secondo palo Orta che in scivolata arriva con un attimo di ritardo.
Al 10' l'occasione d'oro è invece per i locali con Di Muzio che scatta in sospetta posizione di fuorigioco e calibra un pallonetto a scavalcare D'Amico in uscita, con il pallone che si spegne tuttavia alto.
Inizia poi la girandola di cambi su ambo i fronti, Giandomenico toglie uno spento Orta affidando la fase d'attacco a Cacciatore, toglie anche Rodia mettendo dentro Di Martino e Coletta. Dopo una volata di Cacciatore che entra in area e reclama inutilmente un calcio di rigore, i biancorossi si abbassano troppo dando spazio ai locali che tuttavia riescono raramente ad impensierire D'Amico, e quando ci riescono è lo stesso estremo biancorosso a dire di no come al 42' quando Cocco si ritrova la palla buona in area, calcia in porta ma trova l'intervento decisivo col piede del portiere biancorosso.
Quando tutto sembrava finito tuttavia, al 46' arrivava la doccia fredda: una palla persa lateralmente liberava al cross i padroni di casa, sul secondo palo irrompeva il nuovo entrato Liberato che con tocco morbido trovava l'angolo giusto infilando imparabilmente D'Amico.
Era l'1-1 che cristallizzava un matche che terminava virtualmente qui, malgrado i tanti cambi effettuati con il direttore di gara che decideva di non aggiungere ulteriore recupero.

Una beffa per i biancorossi che se sette giorni fa uscivano tuttavia con un punto soddisfacente da San Salvo, oggi escono tra mille rimpianti e devono fare mea culpa per alcune situazioni che potevano essere gestite meglio. Restano i cinque punti in classifica malgrado le due trasferte, ora testa al Capistrello mercoledi; il ritorno alla vittoria renderebbe decisamente più avvincente l'affascinante trasferta di domenica all'Angelini.

MIGLIANICO-PENNE 1-1 (0-1)

PENNE: D'Amico, Camporesi, Carpegna, Reale, D'Addazio, Ballanti, Rodia (21'st Di Martino), Pagliuca, Orta (27'st Coletta), Cacciatore, Bianchini (27'st Di Zio).

Arbitro: Bonci di Pesare

Reti: 33'pt Rodia (Penne), 46'st Liberato (Miglianico)

Ammoniti: Rodia (Penne)