Lunedì, 18 Giugno 2018 | Login

penne1718Dal paradiso all'inferno in soli sei minuti. Il Penne mette paura al Giulianova al Fadini ma nel finale crolla: decisivi due regali individuali ed un calcio di rigore parso assolutamente inesistente sul filo di lana per permettere il sorpasso ai giuliesi sotto di due reti per via di un Coletta irresistibile che prima sbloccava il risultato alla prima azione del match dopo cinquanta secondi poi raddoppiava al quarto d'ora. Meglio i biancorossi nel primo tempo, meglio i giuliesi nella ripresa, il pari sarebbe stato sostanzialmente giusto ma l'episodio nel finale rende amara e difficile da accettare l'immeritata sconfitta.

 

Privo dello squalificato Rodia, mister Giandomenico inseriva il rientrante Balia dal primo minuto, in mezzo al campo confermato Ballanti con Silvaggi in difesa, mentre in avanti erano Coletta e Di Martino a partire dal primo minuto insieme a Cacciatore con Orta, non al meglio della condizione, che partiva dalla panchina.
4-3-3 per i padroni di casa con Tozzi Borsoi riferimento centrale appoggiato dall'ex di turno Orlando Aquino e dal rientrante Di Paolo con Vitelli che partiva dalla panchina.

Pronti-via e l'avvio del Penne era fulminante tanto che alla prima azione era già vantaggio: tutto partiva da una sgroppata di Di Martino sulla sinistra che calciava in porta trovando il pronto intevento dell'estremo di casa, sulla ribattuta si fiondava Coletta che calciava di prima intenzione trovando ancora l'opposizione del portiere giuliese che tuttavia riusciva solo a toccarla ma non ad impedire la rete dello 0-1.
Il Giulianova è frastornato, il Penne tiene alta intensità e pressing ed al 15' trova il raddoppio quando Cacciatore manda in bambola Borghetti e serve di tacco l'accorrente Coletta che, salta un uomo, vince un rimpallo e fulmina Orsini con un diagonale potente e preciso: 0-2.
I padroni di casa provano a reagire ma si vedono solo con palloni lunghi che non causano problemi a D'Amico; al 21' è Silvaggi che libera in area un cross dalla sinistra, ma al 42' pesa l'ingenuità della retroguardia pennese che resta a guardare su un cross dalla destra con Tozzi Borsoi cinturato in area, la sfera arriva sui piedi dell'indisturbato Aquino che sul secondo palo gira in porta la rete che riapre il match.

Al rientro dagli spogliatoi è un altro Giulianova subito attivissimo con Tozzi Borsoi che prima al 2' chiama D'Amico all'uscita risolutiva, poi un minuto dopo calcia a lato da buona posizione.
Il Penne prova a regire ma sono sempre i padroni di casa a fare la partita ancora con Tozzi Borsoi che controlla dal limite ma conclude a lato; biancorossi che si rivedono al 12' con Pasta che prova a partire in contropiede ma dal limite calcia a lato, poi al 15' con Cacciatore che disegna una traiettoria quasi perfetta sugli sviluppi di un calcio di punizione dal limite ma trova l'attenta opposizione di Orsini che vola sotto l'incrocio a deviare in corner.
La pressione giuliese sale favorita anche dall'ingresso di Vitelli che tutavia al 22' spreca l'impossibile involandosi a tu per tu con D'Amico ma calciando clamorosamente sul palo esterno. Dopo la rete annullata allo stesso Vitelli per presunto fuorigioco nel finale succede l'incredibile: al 37' Silvaggi interviene su un pallone innocuo destinato a D'Amico regalando un corner ai locali: sugli sviluppi dello stesso Tozzi Borsoi trova l'eurogol con una girata perfetta dal limite che si infila all'angolino per il 2-2.
Un pari amaro per come maturato ma che sarebbe comunque meritato, quello che non meritano i biancorossi è tuttavia la sconfitta che si materializza a due minuti dal termine quando il direttore di gara vede una trattenuta parsa inesistente su Tozzi Borsoi in area di rigore; dal dischetto lo stesso bomber laziale non sbaglia regalando il successo in rimonta ai suoi.
Nel finale il Penne prova a raddrizzare il match ma allo scadere la punizione radente di Cacciatore non viene raccolta da nessuno.

Termina così con l'amara ed immeritata sconfitta di un buon Penne che paga qualche ingenuità di troppo e viene forse punita oltre i propri demeriti.

PENNE: D'Amico, Di Teodoro (3'st Camporesi), Carpegna, Ballanti (11'st Reale), D'Addazio, Silvaggi, Di Martino (47'pt Pasta), Pagliuca, Coletta (30'st Orta), Cacciatore, Balia.

Reti: 1'pt Coletta, 15'pt Coletta, 42'pt Aquino, 37'st Tozzi Borsoi, 43'st rig. Tozzi Borsoi

Ammoniti: Coletta, D'Amico, Carpegna