Mercoledì, 17 Gennaio 2018 | Login

inailSi chiude sul pari il secondo impegno interno consecutivo per i biancorossi che al rientro dalla sosta si fanno imporre il pari dal Miglianico dell'ex Savini. Contro un avversario apparso altra squadra rispetto all'andata il Penne parte bene ma regala il vantaggio alla prima azione ospite con una serie di errori difensivi che spianano la strada al difensore ospite Grossi. Al rientro reazione rabbiosa dei biancorossi che pareggiano subito col primo gol di Di Ruocco, poi spingono fino a sfiorare il colpaccio con Cacciatore il cui colpo di testa si infrange sulla traversa, nel finale espulso Reale per doppio giallo. La tifoseria pennese in occasione dell'incontro  si è voluta stringere intorno alla famiglia di Gabriele D'Angelo, una delle ventinove vittime di Rigopiano, cui l'INAIL ha negato nonostante tutto il riconoscimento di incidente sul lavoro. 

Con Iannascoli non ancora pienamente disponibile che parte dalla panchina mister Giandomenico conferma il 4-3-3 con Rodia e Di Ruocco esterni alti, Cacciatore centrale. In mezzo al campo Savini e Reale con Donatangelo in chiave di regia, dietro Ballanti confermato sull'out destro nel fronte opposto di Camporesi, Zeetti trova di nuovo spazio dal primo minuto affianco a capitan D'Addazio.
Sul fronte opposto mister Savini reduce dalla miracolosa salvezza in biancorosso della passata stagione e subentrato in corsa a Miglianico tenta il nuovo miracolo affidandosi ai nuovi innesti Mario Orta (in uscita proprio da Penne) e La Selva. In campo una squadra quadrata con Grossi al centro della difesa, ed i centimetri di Battista a centrocampo.

Dopo i primi minuti di studio in cui i biancorossi provano a prendere in mano le redini dell'incontro, sono gli ospiti a passare alla prima percussione offensiva. Una serie di errori macroscopici infatti apparecchiano la più facile delle occasioni per Grossi che sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto a sorpresa si ritrova il più facile dei palloni a due passi dalla linea di porta, troppo semplice il tap-in che sblocca il risultato.
La reazione biancorossa è subito veemente e potrebbe già concretizzarsi quattro minuti dopo con il pareggio: Camporesi affonda a sinistra si accentra e fa partire una conclusione che l'estremo ospite respinge d'istinto, il pallone termina sui piedi di Di Ruocco di poco dentro l'area di rigore, la conclusione dell'esterno campano tuttavia è sballata e si spegne sul fondo.
Malgrado la risposta pressochè istantanea il gioco dei biancorossi manca dei necessari sbocchi così che le occasioni latitano da una parte e dall'altra fino al 36' quando i ragazzi di Giandomenico bruciano un'altra potenziale palla gol con Donatangelo che serve un pallone al bacio per Rodia che in area controlla e duetta con lo stesso centrocampista che libera sul fondo l'esterno il cui  tocco centrale non trova tuttavia nessun compagno pronto a raccoglierlo.

Al rientro dagli spogliatoi è tutto un altro Penne che parte fortissimo e dopo appena due minuti riequilibra l'incontro con Cacciatore che libera con una magia Di Ruocco, il numero unidici biancorosso in diagonale infila De Deo per il pareggio.
Il gol del pari galvanizza il Penne e dopo appena quattro minuti si invertono i ruoli: questa volta è Di Ruocco ad illuminare per Cacciatore che entra in area ma trova la pronta risposta in due tempi dell'estremo ospite ad evitare il gol del sorpasso.
Ancora Penne pericolosissimo al 9' e questa volta ci si mette la sfortuna: Rodia mette il turbo sulla destra e guadagna il fondo il cross centrale al bacio trova la pronta deviazione di testa di Cacciatore che supera De Deo ma deve fare i conti con la traversa che strozza in gola la gioia del gol del vantaggio.
Sul capovolgimento di fronte tuttavia sono gli ospiti a mettere i brividi alla retroguardia pennese quando La Selva in area tutto solo trova il provvidenziale intervento di D'Amico abile a prendere il tempo all'esterno ospite.
Dopo l'iniziale spinta tuttavia il match perde intensità, il Penne non trova sbocchi nell'arcigna retroguardia ospite malgrado l'inserimento del nuovo arrivato Iannascoli e l'esordio di Manocchia Juniores classe 1999, e sale un pò di nervosismo tra le due compagini specie quando il centrocampista ospite Battista accentua una caduta dopo un battibecco con un avversario generando le proteste ospiti, e quando subito dopo un irruento Reale rimedia il secondo giallo di giornata finendo anzitempo negli spogliatoi insieme a mister Giandomenico espulso per proteste.

In dieci uomini e contro un avversario chiuso a riccio il Penne deve alla fine accontentarsi di un punto che da se non altro continuità allungando una mini-serie positiva a quattro turni dopo i pareggi con Spoltore e Amiternina ed il successo sul San Salvo.
Domenica gara durissima per i biancorossi impegnati sul difficilissimo campo del Capistrello contro una squadra piena zeppa di grandi nomi ed in serie positiva: sarà l'inizio di un trittico terribile che vedrà poi il Penne affrontare di seguito Chieti (casa), Martinsicuro (fuori) e Giulianova (casa), ovvero tre impegni consecutivi contro le prime tre della classe.

PENNE-MIGLIANICO 1-1 (0-1)

PENNE: D'Amico, Ballanti (16'st Iannascoli), Camporesi, Reale, D'Addazio, Zeetti, Rodia, Donatangelo (32'st Coletta), Savini (16'st Manocchia), Cacciatore, Di Ruocco. A disposizione: Di Norscia, Silvaggi, Bianchini, Di Fazio. Allenatore: Giandomenico

MIGLIANICO: De Deo, Alberico, Martelli, Battista, Grossi, Pizzica, Di Moia, Giandonato (40'st Gialloreto), Orta, Marfisi, La Selva. A disposizione: Ferrara, Morelli, Di Muzio, Di Giacomo, Cocco, Palombaro. Allenatore: Savini

Arbitro: Sciubba di Pescara

Reti: 12'pt Grossi (Miglianico), 2'st Di Ruocco (Penne)

Ammoniti: Pizzica, Alberico (Miglianico), Ballanti, Reale (Penne)

Espulsi: al 37'st Reale (Penne) per somma di ammonizioni; al 38'st mister Giandomenico (Penne) per proteste