Martedì, 22 Maggio 2018 | Login

cacciatoreNel triste giorno in cui il calcio piange la tragica ed improvvisa scomparsa del capitano della Fiorentina Davide Astori, commemorato con un minuto di raccoglimento prima della gara odierna, un Penne straripante nella ripresa travolge in casa la temibile Torrese, centrando un successo che vale tantissimo in chiave salvezza. Dopo un avvio difficile con gli ospiti propositivi e pericolosi nei primi minuti, i biancorossi prendono le misure e nella ripresa colpiscono: protagonista Cacciatore (foto) abile ad imbeccare l'ottimo inserimento di Rodia per il gol del vantaggio ed a chiudere il match con un diagonale capolavoro. Nel finale gloria anche per Di Ruocco entrato da pochi minuti che cala il tris dopo azione personale. Mercoledì turno di recupero a Montorio.

Finalmente quasi al completo i biancorossi, con mister Pavone che ha problemi solo di abbondanza: out il solo Coletta, confermato il 4-3-1-2 con Ballanti che vince il ballottagio con Camporesi sull'out destro della difesa, sul fronte opposto confermato Silvaggi, mentre in avanti Rodia è affiancato da Bianchini sacrificando Di Ruocco per la regola dei fuoriquota con Cacciatore dietro le punte, Reale-Donatangelo-Iannascoli in mezzo al campo.
Sul fronte opposto mister Narcisi in piena corsa per la zona playoff deve rinunciare all'attaccante De Santis e schiera la solita difesa a tre con Stacchiotti, Cristofari e capitan Scartozzi, in avanti Carosone e Torbidone formano il tandem d'attacco pronti a creare gli spazi per gli inserimenti del sempre temibile Puglia.

Gara difficile quella che attende i ragazzi di mister Pavone contro un undici di grande qualità che approccia in maniera perfetta l'incontro rendendosi subito pericolosissimo dopo appena cinque minuti quando proprio Puglia apparecchia la conclusione dal limite e calcia a giro un pallone su cui D'Amico si supera ed in tuffo vola a deviare in corner. Penne che fatica a tenere i teramani lontani dalla propria area ed al 10' serve ancora un buon intervento di D'Amico a disinnescare il colpo di testa di Carosone, sulla ribattuta un pallone vagante incoccia il palo esterno prima di terminare sul fondo.
Il Penne dal canto suo punta sul contropiede ed al 12' uno scambio in velocità Rodia-Bianchini-Rodia si chiude con la conclusione del numero 7 biancorosso che termina alta.
Al 22' palla-gol ghiottissima anche per il Penne: Rodia si infila in area da destra e tocca centralmente per Bianchini sulla cui conclusione si supera l'estremo ospite con un grande intervento in tuffo. Con il passare dei minuti le due squadre si annullano ed il primo tempo disputato su un campo pesantissimo che crea non pochi problemi in fase di impostazione, si chiude sul pari a reti bianche.

Al rientro dagli spogliatoi sono ancora gli ospiti ad approcciare meglio il match andando di nuovo alla conclusione pericolosa con Puglia. Il Penne ha però il merito di non abbassarsi e col passare dei minuti inizia a prendere campo. All'11' l'occasione per il vantaggio la regalano gli ospiti: Stacchiotti in disimpegno finisce per servire l'estremo Bruno che blocca con le mani, per il direttore di gara il retropassaggio è volontario e fischia la punizione in area. La conclusione di Cacciatore viene respinta dalla barriera e sulla ribattuta Zeetti non riesce ad intevenire.
Il Penne tuttavia cresce ed al 15' firma il vantaggio: Cacciatore con un tocco morbido imbecca Rodia che si infila tra le maglie della difesa ospite e con un tocco preciso supera Bruno per l'1-0. Il gol del vantaggio scuote gli ospiti che tuttavia sono poco lucidi, sul fronte opposto il Penne si impadronisce del centrocampo e blocca sul nascere ogni tentativo di offensiva ospite.
Al 33' arriva così il meritato raddoppio: Donatangelo sventaglia sulla fascia per Cacciatore che, decentrato, controlla e si porta avanti il pallone in area fulminando con un destro potente e chirurgico sul secondo palo il portiere ospite. Passa appena un minuto ed i biancorossi sfiorano il tris quando Rodia imbecca centralmente per Bianchini anticipato a pochi passi dalla porta.
Mister Pavone inserisce ora Di Ruocco al posto di Rodia che al 44' cala i titoli di coda sul match al termine di una bella azione personale con conclusione finale che beffa Bruno. 
Il finale regala la giusta passerella ai biancorossi che con Zeetti di testa avrebbero anche l'occasione del poker; il triplice fischio sancisce così un successo di fondamentale importanza per un Penne che infila il terzo risultato utile consecutivo (due vittorie ed un pareggio) conservando ancora l'imbattibilità della propria porta che resiste ormai dalla rete di Vitelli del Giulianova.

Un passo avanti importantissimo per i biancorossi che si avvicinano sempre più al traguardo della salvezza, in attesa di recuperare l'incontro col Montorio: si gioca mercoledi con fischio d'inizio alle ore 15:00 al Comunale di Montorio al Vomano.

PENNE-TORRESE 3-0 (0-0)

PENNE: D'Amico, Ballanti, Silvaggi, Donatangelo, D'Addazio, Zeetti, Rodia (35'st Di Ruocco), Reale (31'st Savini), Bianchini (39'st Di Fazio), Cacciatore, Iannascoli. A disposizione: Di Tonno, Manocchia, Cervoni, Camporesi. Allenatore: Pavone

TORRESE: Bruno, Casimirri (17'st Di Remigio), Cicchetti, Scartozzi, Cristofari (31'st Addari), Stacchiotti, Puglia, Ricci (5'st D'Orazio), Carosone, Torbidone, Tini. A disposizione: Castrone, Masullo, Mazzagatti, Foschi. Allenatore: Narcisi

Arbitro: Cirio di Savona

Reti: 15'st Rodia, 33'st Cacciatore, 44'st Di Ruocco

Ammoniti: Torbidone, Scartozzi (Torrese), Donatangelo (Penne)