Mercoledì, 15 Agosto 2018 | Login

montorioCon il solito strappo nella ripresa, il Penne espugna anche Montorio al Vomano, infila il secondo successo in tre giorni nonchè il quarto risultato utile consecutivo allungando a +10 dalla zona playout. Non potevano chiedere di più i tanti tifosi biancorossi giunti in Val Vomano per il recupero della ventisettesima giornata, eppure il match è stato tutt'altro che facile. Sotto di un gol al termine di un primo tempo poco lucido, i biancorossi sono venuti fuori alla distanza nella ripresa sfruttando un'autorete dei locali e l'inferiorità numerica a causa del doppio giallo a Gizzi: da lì in poi gara in discesa, con Cacciatore che firmava il sorpasso pochi minuti dopo ed il neo-entrato Di Ruocco che chiudeva un match legittimato dalle colossali palle-gol di Bianchini e Rodia giunte prima del tris finale.

Ancora out Coletta, mister Pavone confermava in toto l'undici vittorioso pochi giorni prima contro la Torrese, sul fronte opposto mister Cipolletti schierava il temibile ex Ibra Ndiaye a formare il tandem offensivo con Lombardi.

Gara subito poco esaltante con i locali decisamente più intraprendenti al cospetto di un Penne che faticava ad entrare in gara. Erano soprattutto gli scambi in velocità della coppia d'attacco montoriese a mettere in difficoltà la retroguardia biancorossa malgrado di azioni da rete nemmeno l'ombra. Eppure alla prima vera sortita offensiva del match i locali la sbloccavano: un cross da sinistra di Zurita trovava l'errata chiusura di Zeetti che si faceva scavalcare dal pallone che l'attivissimo Lombardi stoppava in bello stile fulminando D'Amico da pochi passi.
Subita la rete il Penne provava a scuotersi, Donatangelo prendeva possesso del centrocampo e più in generale i ragazzi di Pavone sembravano essere in grado di gestire il pallino del gioco senza tuttavia risultare pericolosi.

Ad inizio ripresa mister Pavone toglieva dal campo Iannascoli e Reale inserendo Di Ruocco e Savini passando così al 4-2-3-1, mentre i padroni di casa provavano ad imporre il proprio gioco ma all'11' rimaneva in dieci causa espulsione di Gizzi già ammonito reo di aver allontanato il pallone dopo un calcio di punizione decretato a due passi dal direttore di gara. L'inferiorità numerica costringeva mister Cipolletti a correre ai ripari togliendo Lombardi, il più attivo dei suoi, perdendo così un importante riferimento avanzato.
Il Penne a questo punto recuperava fiducia e soprattutto campo, ed al 14' capitalizzava al meglio un errore di retroguardia e portiere locali quando il centrale Corbo deviava di testa nella propria porta uno spiovente su punizione di Cacciatore con l'estremo Recchiuti che usciva in malo modo.
Siglato il pareggio il match non aveva più storia ed al 23' arrivava il sorpasso con Cacciatore ancora protagonista con una punizione delle sue dai trenta metri su cui Recchiuti non arrivava.
Il Penne ora legittimava il vantaggio con un pregevole giro palla ma sbagliava l'impossibile sotto porta tenendo in vita i locali che provavano a giocarsi anche la carta Ridolfi. Al 31' una clamorosa dormita della difesa montoriese innescava Rodia che evitava Recchiuti e toccava centralmente per Bianchini che calciava a porta vuota trovando l'incredibile intervento di Corbo a togliere con la punta del piede la palla dall'angolino basso.
Al 35' era invece un'imbucata perfetta a far presentare il guizzante Rodia a tu per tu con l'estremo giallonero, ma la conclusione terminava a lato di un soffio sul secondo palo.
Al 40' era il turno di Di Ruocco che partiva da sinistra e si accentrava calciando alto, dopo appena due minuti ancora un'incursione dell'esterno campano trovava l'intervento di Recchiuti a deviare in corner.
Al terzo tentativo tuttavia arrivava il terzo gol al termine di un'azione da applausi: Rodia conquistava palla sulla trequarti ed imbucava per Cacciatore che in area toccava centralmente per l'accorrente Di Ruocco che firmava il gol che chiudeva il match, quarto gol per lui in biancorosso.
Nel finale un altro tentativo infruttuoso del giovane Di Fazio cui facevano seguito i minuti di recupero utili solo per la cronaca.

Biancorossi che ottengono così il quarto risultato utile consecutivo, dieci punti in quattro gare che permettono così di allungare a +10 dalla zona playout. La salvezza ormai è ad un passo ed il Penne domenica sarà atteso dall'insidiosa trasferta di Sambuceto con la mente più libera ma al tempo stesso consapevole delle proprie enormi potenzialità.

MONTORIO 88-PENNE 1-3 (1-0)

PENNE: D'Amico, Ballanti, Silvaggi, Donatangelo, D'Addazio, Zeetti, Rodia, Reale (6'st Savini), Bianchini (40'st Di Fazio), Cacciatore, Iannascoli (6'st Di Ruocco). A disposizione: Di Tonno, Manocchia, Cervoni, Camporesi. Allenatore: Pavone

Arbitro: Di Cola di Avezzano

Reti: 22'pt Lombardi (Montorio), 14'st autogol Corbo (Penne), 23'st Cacciatore (Penne), 43'st Di Ruocco (Penne)