Mercoledì, 15 Agosto 2018 | Login

tifoMetabolizzate le due vittorie ravvicinate con Torrese e Montorio, è già tempo di pensare al prossimo impegno per un Penne rigenerato, reduce da quattro risultati utili consecutivi. Gara dalle mille insidie quella che aspetta i biancorossi impegnati domenica sul campo di un Sambuceto in crisi nera: i viola, a lungo antagonisti del Real Giulianova al vertice della classifica durante il girone d'andata, sono piombati in una crisi nera che li ha portato a racimolare la miseria di soli cinque punti nel girone di ritorno; risultati che sono costati la panchina a mister Alessandro Tatomir sostituito dall'ex attaccante del Lauretum Edmondo Farias promosso dalla Juniores che proprio domenica esordirà in panchina.

Una formazione totalmente rinnovata quella viola dopo che il cammino della passata stagione aveva portato l'undici di Sambuceto ad un passo dalla zona playoff cui la società strizzava ad evidenza l'occhio per la stagione attuale.
Gli innesti di uomini importanti in ogni reparto sembrava poter conferire ai viola il rango di squadra di alto livello, e nulla lasciava presagire il contrario viste le prestazioni sciorinate nel girone d'andata chiuso saldamente in zona playoff con 30 punti. 
Reduci da una serie negativa di 6 turni in cui sono riusciti a racimolare appena un punto, i viola dopo la sconfitta subita domenica sul campo dell'Amiternina hanno così deciso di voltare pagina: via mister Tatomir, in panchina promosso Farias ex compagno di squadra di mister Pavone ai tempi del Lauretum.

Al nuovo mister la dirigenza chiede di portare a casa una salvezza dignitosa per una classifica che oggi inizia a destare anche qualche preoccupazione malgrado i sette punti di vantaggio siano comunque un gruzzolo ancora importante cui un paio di vittorie potrebbero chiudere direttamente i giochi. Certo, niente lasciava presagire discorsi di questo genere arrivati a questo punto del torneo.

Biancorossi che si presenteranno all'incontro forti delle ultime convincenti prestazioni con un attacco che sembra essersi finalmente sbloccato (6 reti nelle ultime due gare con Rodia, Cacciatore e Di Ruocco a segno) al cospetto di un Sambuceto che invece mancherà di uno dei suoi elementi cardine, il difensore D'Amico appiedato dal giudice sportivo dopo l'espulsione rimediata domenica a Scoppito.