Venerdì, 16 Novembre 2018 | Login

penneascoliDopo il ritorno al successo nel convincente match interno col Sambuceto, doppio test in appena quattro giorni per i biancorossi che ora vogliono sfruttare il buon momento di forma e non fermarsi. Gara impegnativa quella che vedrà i ragazzi di mister Pavone impegnati giovedì nel classico infrasettimanale del 1 novembre, al cospetto del Miglianico di mister Pesce, compagine ormai ben consolidata nella categoria e partita subito bene, a differenza delle stagioni precedenti, che proprio domenica ha battuto la Renato Curi Angolana in casa e che ora proverà a ripetersi.

I tre punti col Sambuceto oltre ad aver caricato l'ambiente, hanno portato importante ossigeno ad una classifica finora deludente tenendo conto delle potenzialità della rosa biancorossa. 
Le ultime due gare hanno tuttavia mostrato un Penne in palla, fresco atleticamente e con le idee chiare in campo. Dopo le tre reti di Città Sant'Angelo che non sono bastate per portare a casa i 3 punti, domenica sono arrivate palle gol in serie che pur se non sfruttate a dovere, sono evidente sintomo di una crescita tecnica esponenziale.

Guai tuttavia a cullarsi sugli allori perchè le prossime due gare per i ragazzi di mister Pavone saranno importantissime e potrebbero in termini di classifica rilanciare i biancorossi verso posizioni di classifica ben più consone: dopo la trasferta di Miglianico di giovedì infatti il Penne tornerà tra le mura amiche domenica quando ospiterà la matricola Delfino Flacco Porto partita benissimo al primo anno in Eccellenza della sua storia.

Un ostacolo alla volta, e la gara di Miglianico sarà tutt'altro che semplice: avversario tosto, campo piccolo ed in sintetico sempre molto insidioso, ed una  spina dorsale composta da elementi di valore ed esperienza, con Martelli perno centrale di difesa, Battista mediano di grande quantità e soprattutto bomber Mario Orta che dopo la fugace apparizione a Penne lo scorso inizio di stagione sembra aver ritrovato la forma dei giorni migliori andando regolarmente a segno e risultando molto spesso l'uomo decisivo per i suoi. 

Un mix di giovani ed esperti che ha permesso nell'ultima stagione al Miglianico di mantenere la categoria al termine di una rimonta strepitosa firmata mister Paolo Savini, ma quest'anno ripartiti subito con le idee chiare con il blocco vincente confermato e qualche innesto importante, su tutti quello del forte fantasista Polisena in grado di non far rimpiangere una partenza pesante come quella dell'ex Vastese Marfisi approdato al Chieti.

Un Miglianico ormai esperto della categoria che disputa dalla stagione 2006/07 con un intermezzo fatto di ben tre campionati di serie D a cavallo tra 2009 e 2012. 
Un match insomma difficile con i padroni di casa che dovranno fare a meno di un elemento di grande spessore del calibro di Valdes appiedato dal giudice sportivo.