Venerdì, 16 Novembre 2018 | Login

logo-articleNove punti conquistati nelle ultime cinque gare frutto di 2 vittorie e 3 pareggi di cui, almeno un paio, con il profondo rammarico di aver lasciato punti per strada vedasi Città Sant'Angelo e domenica contro un Delfino Flacco Porto arroccato in difesa alla ricerca del punticino. Numeri che iniziano finalmente a riflettere le potenzialità di un undici, quello biancorosso, che dopo qualche sbandata iniziale sembra aver iniziato ad ingranare la marcia. Domenica altro banco di prova importanta in casa dei Nerostellati, compagine che può contare su un reparto avanzato da categoria superiore ma che sta indubbiamente pagando lo scotto della retrocessione dalla D con una rosa completamente rinnovata che fatica a carburare.

 In terra pratolana andrà in scena una gara più dura di quanto riflette la classifica attuale. Il team peligno infatti, affidato in corsa alle cure di mister Saccoccia dopo l'esonero di Colella, dispone di una rosa di grande livello per la categoria in primis in attacco dove la compagine nerostellata può contare sulle grandi firme di Alessandro Pendenza, capocannoniere della passata stagione, e l'ex Ibra Ndiaye protagonista a suon di gol della salvezza dei biancorossi due stagioni orsono che insieme all'argentino Pablo Val va a formare la coppia degli ex di turno.

Nerostellati partiti malissimo in un torneo che li ha visti via via crescere; un'ascesa bloccata solo da qualche estemporaneo passaggio a vuoto e tarpata in particolar modo dal rendimento difensivo. E' così che la squadra di mister Saccoccia è stata capace di epiche rimonte (da 2-4 a 4-4 in casa con la capolista Capistrello) ma al tempo stesso è stata in grado di rovinare partite per il resto dominate. Sul banco degli imputati in particolar modo i portieri: dopo Bighencomer e Di Censo infatti, nelle ultime gare il tecnico peligno ha fatto esordire tra i pali il fuoriquota Hamo (2001) e solo domenica la porta pratolana è riuscita a rimanere immacolata al termine dello 0-0 casalingo con il Miglianico.

Per il Penne insomma una gara dura, su un campo tradizionalmente ostico per i colori biancorossi per quanto in epoca recente siano estremamente rari i confronti tra le due compagini che si sono ritrovate in campo solo due stagioni orsono dopo qualche precedente sui campi di Promozione.

Mister Pavone spera di recuperare il bomber Jose Maria Zamora, out dopo Capistrello a causa di un fastidioso problema muscolare. Sarà una gara particolarmente importante perchè dopo il mezzo passo falso interno con la Flacco, i biancorossi saranno chiamati a confermare le impressioni positive venute soprattutto alla luce dopo le gare di Città Sant'Angelo e quella casalinga contro il Sambuceto.