Venerdì, 14 Dicembre 2018 | Login

logo-articleDopo l'impresa di Chieti, che ha portato in dote il nono risultato utile consecutivo, all'orizzonte un doppio turno casalingo per i biancorossi che si preparano al rush finale prima della sosta natalizia a cavallo tra girone d'andata e ritorno. La gara contro i rossoblu in programma domenica al Nuovo Comunale infatti, rappresenterà il giro di boa di un torneo partito a singhiozzo ma che vede un Penne lanciatissimo insediare le zone alte della classifica. Recuperato Cacciatore, mister Pavone proverà a migliorare il rendimento casalingo dei suoi che tra le mura amiche hanno finora vinto in una sola occasione (1-0 sul Sambuceto, alla decima giornata); un andamento compensato dalla marcia trionfale sui campi esterni in cui i biancorossi hanno fatto più punti di tutte le altre avversarie del torneo con ben quattro successi all'attivo.

Avversario di turno sarà il Cupello, squadra giovane ma temibile, reduce da un successo di vitale importanza nello scontro diretto con l'Amiternina ed intenzionato a dare seguito al proprio cammino che attualmente lo vede fuori dalla zona playout con 19 punti in classifica.

Rispetto alla passata stagione in casa rossoblu manca l'importante firma di bomber Alessandro Pendenza che spesso aveva risolto da solo i problemi strutturali di una squadra che spesso paga l'eccessiva inesperienza dettata dalla bassa età media seppur guidati dall'esperienza del roccioso difensore classe 1981 Fernando Giuliano, da due stagioni in terra cupellese ma forte di una carriera importante che l'ha portato a calcare anche i campi di serie B e C con le maglie, tra le altre, di Pro Vasto, Spezia, Nocerina e Crotone. A completare il reparto degli over troviamo capitan Felice ex colonna difensiva del San Salvo, il fantasista Tucci e l'esterno alto Antenucci.

Tra i tanti fuoriquota di pregio occhi puntati sul giovanissimo Zinni, classe 2002, che malgrado la giovane età si è guadagnato una maglia da titolare al centro dell'attacco a suon di gol; al giovane attaccante cupellese viene spesso affiancato il portoghese Ninte, classe 1997, giocatore dinamico e veloce. Il confermato tecnico Panfilo Carlucci non potrà disporre invece del centrocampista Quaranta, ex San Salvo, che proprio in settimana ha deciso di trasferirsi altrove.

Il rendimento in campionato del Cupello è finora piuttosto altalenante, malgrado tutto i rossoblu hanno perso in sole 5 occasioni ottenendo anche 4 successi di cui 2 lontano dalle mura amiche. Cupello che vanta il penultimo attacco del torneo con 18 reti (insieme a quelli di Nereto, Il Delfino Flacco Porto e Renato Curi Angolana), la dodicesima difesa del torneo con 23 reti al passivo, dieci in più rispetto a quelle subite dai biancorossi ad oggi miglior difesa del campionato.

Appuntamento previsto per le 14:30 di domenica al Nuovo Comunale dunque con il Penne che proverà a sfruttare l'onda lunga del successo di Chieti e dei nove risultati utili accumulati, nella speranza di proseguire il cammino e continuare a scalare posizioni.