Sabato, 23 Novembre 2019 | Login
previous arrow
next arrow
Slider

testiandreaUn Penne straripante domina il delicatissimo scontro interno col Capistrello e vince con merito, rifilando tre reti ai marsicani al termine di una prestazione da incorniciare. Biancorossi subito convincenti, ospiti quadrati ma troppo rinunciatari, nella ripresa a rompere gli equilibri è Andrea Testi (foto) che, subentrato, sblocca il match e lo chiude nel finale, nel mezzo la rete di Leccese che concretizza al meglio il dominio biancorosso. Con D'Amico quasi inoperoso i ragazzi di Iodice provano a far male nel primo tempo ma sprecano, nella ripresa il piglio giusto ed il cambio azzeccato con l'ingresso del centravanti romano calano il sipario su una prestazione praticamente perfetta.

Contro la sua ex squadra mister Iodice ridisegna l'assetto schierando un dinamico 4-3-1-2 con l'inserimento di Rossi a centrocampo, parte dalla panchina Lucao titolare a Spoltore e resta fuori anche Grande, in avanti il duo degli ex Leccese e Pollino appoggiati da Cacciatore tra le linee, mediana di ferro con D'Alonzo e Reale.
Sul fronte opposto gli ospiti dell'altro ex Torti devono rinunciare a Lombardi e Salvini con Franchi a mezzo servizio che parte dalla panchina; il tecnico marsicano disegna un 4-4-1-1 con Camara e Di Francescantonio sugli esterni, capitan Edoardo De Meis a rifornire il temibile Di Curzio parso troppo solo in avanti.

Sin dai primi minuti i biancorossi imprimono i giusti ritmi al match, il Capistrello si difende con ordine ma non trova i varchi giusti per impensierire D'Amico. La logica risultante è un Penne subito molto dinamico e pericoloso che sfiora il vantaggio dopo appena cinque minuti quando D'Alonzo prende il tempo alla difesa granata e con un movimento da punta in spaccata conclude in porta sfiorando il palo alla sinistra di Di Girolamo. Biancorossi che tengono alti i ritmi ma falliscono il vantaggio con Leccese che prende il tempo a Di Fabio ma sbaglia il pallonetto da buona posizione, ospiti pericolosi solo su qualche sbavatura come al 19' quando D'Amico sbaglia il rinvio regalando palla ai rovetani, dalla distanza ci prova capitan De Meis con una gran botta che termina a lato non di molto.
Al 21' è il turno di Matteo D'Amico che imbeccato alla perfezione sul secondo palo da un calcio di punizione di Cacciatore da due passi non trova di un soffio la deviazione vincente di testa. Ospiti che si rivedono alla mezz'ora con Di Curzio che controlla sulla trequarti e calcia al volo, D'Amico è sicuro ed in tuffo sventa in angolo. Nel finale di frazione altra palla gol nitida per i padroni di casa: Pollino addomestica un buon pallone in area ed appoggia per l'accorrente Cacciatore che da ottima posizione calcia con sfera alta non di molto sul secondo palo.

La ripresa si apre con identico copione del primo tempo ma con un Penne più deciso ed ospiti sempre più rintanati nella propria metà campo. Al 9' sfonda a sinistra Filippone e lascia partire un cross che supera Di Girolamo ma viene smorzato in corner dalla testa del neo entrato Franchi che evita il peggio. Mister Iodice al 19' azzecca il cambio che decide il match, fuori Reale dentro Testi. L'attaccante laziale come al solito entra in partita alla grande e regala maggior vigore e profondità alle azioni offensive biancorosse.
Al 21' proprio Testi si divora il gol del vantaggio quando riceve palla sugli sviluppi di un piazzato di Cacciatore ma tutto solo in area non riesce a dare la giusta potenza alla conclusione che Di Girolamo blocca a terra. Saranno solo le prove tecniche del vantaggio che arriva tre minuti dopo: invenzione di Cacciatore che dalla trequarti biancorossa verticalizza per l'inserimento di Testi che anticipa Di Girolamo in uscita, lo salta ed infila la porta sguarnita per la rete del vantaggio.
Ora è tutto più facile per i biancorossi che possono giocare a campo aperto, per il Capistrello è notte fonda e così al 36' arriva il meritato raddoppio con il classico gol dell'ex di Leccese che emula il compagno di squadra Testi e, sempre su illuminante lancio di Cacciatore, brucia in velocità la difesa ospite infilando l'estremo rovetano per il 2-0. Ormai il Penne gioca sul velluto ed ancora Testi chiude i giochi deviando in porta da due passi un cross perfetto dalla sinistra dopo azione travolgente del giovane Filippone.
Piove sul bagnato in casa rovetana al novantesimo quando l'ex Di Fabio viene espulso per fallo da ultimo uomo: sugli sviluppi della punizione dal limite Cacciatore manda alto.

Dopo cinque minuti di recupero senza sussulti il triplice fischio sancisce una vittoria di enorme pregio per i biancorossi, che infilano così il secondo successo consecutivo e salgono al quarto posto in classifica a quota 17 punti scavalcando proprio il Capistrello in classifica. Un successo che regala grande morale e segue l'exploit di Spoltore, ora altri due impegni fondamentali per i ragazzi di Iodice che affronteranno in fila la terza e la seconda forza del campionato: mercoledì sul campo del Bacigalupo Vasto Marina, domenica in casa contro il Castelnuovo unica squadra fino a questo momento capace di tenere il travolgente ritmo della capolista Lanciano.

PENNE-CAPISTRELLO 3-0 (0-0)

PENNE: D'Amico C, D'Intino D, Filippone, D'Alonzo, D'Amico M, D'Addazio, Reale (19'st Testi), Rossi (35'st Coletta), Leccese (34'st Lucao), Cacciatore (46'st Di Fazio), Pollino (32'st Lolli). A disposizione: D'Intino G, Colangeli, Grande, Calderaro. Allenatore: Iodice

CAPISTRELLO: Di Girolamo, Rozzi, Venditti, D'Eramo, De Meis L, Di Fabio, Camara, Bisegna (1'st Simoni), Di Curzio, De Meis E (8'st Franchi), Di Francescantonio (31'st Dosa). A disposizione: Salustri, Cicchinelli, Cipriani, Trombetta, Salustri, Federici. Allenatore: Torti

Arbitro: Striamo di Salerno

Reti: 22'st Testi, 36'st Leccese, 42'st Testi

Ammoniti: D'Eramo, De Meis E (Capistrello), Filippone, D'Alonzo (Penne)

Espulso: al 45'st Di Fabio (Capistrello) per fallo da ultimo uomo