Venerdì, 07 Agosto 2020 | Login
previous arrow
next arrow
Slider

penne centenarioAnche a campionato concluso continuano a fioccare le soddisfazioni in casa biancorossa: dopo il quinto posto dell'ultimo torneo concluso prematuramente causa Covid, arrivano due nuovi importantissimi riconoscimenti legati all'utilizzo dei giovani in campo ed al proprio fiorente settore giovanile. Il Comitato Regionale ha infatti premiato la società pennese nell'ambito del progetto "Valorizzazione Giovani LND" legato all'utilizzo dei fuoriquota: i biancorossi si sono piazzati al terzo posto della relativa classifica di categoria dietro a Spoltore e Nerostellati ottenendo così un premio valorizzazione di 3.500 €. Per quanto concerne invece il settore giovanile, i biancorossi potranno fregiarsi nell'anno del centenario del riconoscimento di "Scuola Calcio d'Elite" riservato alle società che rispettano determinati e rigorosi parametri per quanto concerne le qualifiche dei tecnici abilitati, l'attività educativa e tanti altri fattori vagliati dalla Federazione.


In merito al premio valorizzazione giovani i biancorossi hanno chiuso la classifica finale al terzo posto con 122,40 punti superati solo da Spoltore (186) e Nerostellati (168). Un risultato che mostra tuttavia maggior risalto per la posizione finale in classifica occupata dai biancorossi che dopo il colpaccio sul campo della corazzata Castelnuovo si erano piazzati al quinto posto, la migliore tra le squadre in lizza per il premio.


Un risultato non da poco perchè sono stati davvero tanti i ragazzi che hanno esordito ed addirittura militato in pianta stabile nell'undici titolare; se la valorizzazione dei giovani era uno degli obiettivi principali della stagione, l'ambito riconoscimento va senza ombra di dubbio a documentare il suo pieno raggiungimento. Meriti da dividere equamente tra società, ragazzi ed allenatore con mister Iodice che non ha esistato ad inserire in pianta stabile in squadra ragazzi esordienti come Grande (2003) arrivando a far bissare l'esordio anche a Cutilli (2004) che aveva già conosciuto la ribalta della prima squadra nell'ultima giornata del torneo precedente sotto la guida di mister Adamo Pavone.

Motivo di orgoglio, e sicuramente non da meno rispetto a quanto sopra, l'ambito riconoscimento di "Scuola Calcio d'Elite" assegnato alla società pennese; dopo la solita severa scrematura riguardo tutti i requisiti richiesti per fregiarsi del titolo, la scuola calcio biancorossa è l'unica della provincia al di fuori della città di Pescara. Tra i tanti requisiti richiesti ne riportiamo solo alcuni tra i più importanti: presenza di un Responsabile Tecnico con qualifica UEFA, presenza di un defibrillatore semi-automatico nell'impianto e personale adeguatamente formato, partecipazione obbligatoria ai principali tornei organizzati dal Comitato, organizzazione di riunioni tecnico/informative rivolte a dirigenti, tecnici e genitori, partecipazione nelle categorie di base di squadre miste bambini/bambine, convenzionamenti con istituti scolastici e tante altre ancora.