Venerdì, 23 Ottobre 2020 | Login
previous arrow
next arrow
Slider

penne centenarioSarà un Penne decimato quello che domenica alle 15:00 affronterà in trasferta il duro ostacolo Virtus Cupello. Falcidiati dagli infortuni i biancorossi dovranno ancora fare a meno degli infortunati Cacciatore, Iannascoli e Calderaro a cui si aggiungono Leone e Ranalli che, toccato duro e costretto ad uscire in barella mercoledì, con ogni probabilità non sarà della partita; turno di stop invece per Andrea Reale dopo l'espulsione rimediata a Castelnuovo, ancora non al top Ilario Lepre che dovrebbe partire dalla panchina. Arbitro dell'incontro sarà il signor Leonardo Vai di Jesi coadiuvato da Davide Donatelli di Pescara e Andrea Mongelli di Chieti.

 

Quella di Cupello rappresenta l'ennesima gara estremamente impegnativa di un calendario che ha riservato ai biancorossi un avvio da incubo: dopo aver affrontato Nereto e Torrese (due delle compagini più quotate del torneo) arriva dunque la difficile trasferta in casa cupellese proprio dove i rossoblu hanno costruito gli ultimi ottimi campionati, e dove i ragazzi allenati da mister Carlucci hanno finora fatto il pieno in campionato con due successi in due gare. Dopo la gara di domenica, in rapida successione i ragazzi di mister Naccarella affronteranno le tre protagoniste indiscusse del torneo: Avezzano (in casa), L'Aquila (trasferta in turno infrasettimanale) e Chieti (casa).

Insomma un tour de force che sa ancor più di beffa, se si considera lo stato di estrema emergenza con l'infermeria biancorossa piena e tempi di recupero sempre più stretti visti tutti gli infrasettimanali in programma.

Virtus Cupello che ha iniziato alla grande un torneo che vede i rossoblu navigare nelle zone alte della classifica con 7 punti conquistati frutto di 2 successi, 1 pareggio ed 1 sconfitta; solo mercoledì è arrivato il primo stop in campionato sul campo del Nereto prima due successi interni convincenti (1-0 sullo Spoltore ed un secco 3-1 rifilato all'Acqua e Sapone) ed un pari esterno sul campo dell'Alba Adriatica.

Una squadra che dunque va fortissimo tra le mura amiche, dotata di una difesa granitica guidata dall'esperto Ferdinando Giuliano centrale campano classe 1981 ex Nocerina, Crotone e Pescara che vanta diverse presenze persino in serie B, a cui è stato recentemente affiancato il roccioso Giuliano Felice rientrato da San Salvo, difensore peraltro fortissimo sulle palle inattive.
Tanta qualità anche nel reparto offensivo per i cupellesi che possono contare sul tandem d'attacco Pendenza-La Selva, bomber di comprovata fama il primo, seconda punta veloce e fortissima tecnicamente la seconda.
Per il resto la Virtus punta forte sul proprio florido settore giovanile: tanti i ragazzi fuoriquota di qualità ed i giovani in quota, coltivati dal lavoro dlela società vastese che dopo averli gettati nella mischia giovanissimi si ritrovano ora in caso giocatori esperti per quanto ancora giovani dal punto di vista anagrafico.

Sarà una partita durissima insomma per un Penne costretto a scendere sul sintetico di Cupello con tantissime defezioni: un bel rebus per mister Naccarella che in un momento già così delicato della stagione dovrà necessariamente attingere dal parco fuoriquota per provare a mettere in campo un undici in grado di dar fastidio ad una squadra che punta a confermare il ruolino di marcia interno.