Lunedì, 29 Novembre 2021 | Login
Slide 1
slide-PENNE1.jpg
penneascoli.jpg
previous arrow
next arrow

cupello penneProsegue sul campo del Cupello il momento nero dei biancorossi, che cadono in casa della capolista senza mai rendersi pericolosi se non nel finale a risultato già inchiodato sullo 0-3. Avvio al piccolo trotto con i padroni di casa che prendono via via il pallino del gioco fino a sbloccare il match alla mezzora; la rete del vantaggio mette in discesa il match per i rossoblu al cospetto di un Penne incapace di pungere, e nella ripresa arrivano altre due reti per gli uomini di Carlucci che dominano la gara e proseguono la marcia in vetta a punteggio pieno dopo sette turni. Unica nota lieta dell'ennesima giornata negativa, il debutto del giovane Gianluca Iezzi (2005) che marchia l'esordio ufficiale in campionato dopo le due presenze in Coppa Italia. 

Con Mennillo e Di Fazio fuori per squalifica, Grasso, Pastafiglia e D'Ercole infortunati, e senza Ranalli, scelte quasi obbligate a livello di uomini per mister Iodice che, con un solo centrale di ruolo, si affida ad un inedito 3-5-2 già provato senza grossi frutti nel match di Coppa di mercoledì, con Silvestri arretrato sulla linea difensiva insieme a capitan D'Addazio e Leone, con Guerra e Fulvi sugli esterni, Cacciatore arretrato in cabina di regia con Cellucci e Serti a formare il tandem d'attacco.
Problemi di formazione anche per i padroni di casa che si presentano al match privi di bomber Marinelli (squalificato) cui si aggiungono gli infortunati Capitoli e Margagliotti, con Tafili acciaccato che va solo in panchina; mister Carlucci non rinuncia al 3-5-2 marchio di fabbrica dell'undici rossoblu, affidando le operazioni d'attacco all'inedito tandem Napolitano-Colitto.

Inizio gara contratto con i padroni di casa che sembrano non avere lo smalto di sempre, Penne che tuttavia manca di affiatamento tra i reparti con Cacciatore troppo arretrato e Guerra incapace di incidere nell'insolito ruolo di esterno di centrocampo; Cellucci e Serti fanno quello che possono in fase offensiva, ma i rifornimenti sono pressochè nulli ed i biancorossi non sembrano in grado di impensierire l'organizzata retroguardia ospite. Il match prende così lentamente il canovaccio peggiore possibile per i ragazzi di mister Iodice che alla lunga restano schiacciati nella propria metà campo regalando metri ad una Virtus Cupello che guadagna campo e lentamente inizia a creare i presupposti per l'ennesima giornata positiva. All'8' la prima chance locale con Colitto che prova a concludere un contropiede fulmineo con una conclusione dal limite che termina alta. Al 13' è il turno di Ruzzi che prova a sorprendere dalla distanza D'Amico bravo in tuffo a deviare.
Il Penne tiene il campo ma manca di idee e geometrie a centrocampo, i locali si fanno sempre più pericolosi ed al 25' serve il miglior D'Amico a neutralizzare una conclusione in mischia da due passi di capitan Felice con un riflesso che tiene il risultato in equilibrio.
Al 29' una gran giocata di Troiano che controlla di petto e gira in porta un pallone che termina di pochissimo a lato, è solo il preludio al logico e meritato vantaggio dei locali che arriva al 33' grazie a Conti che approfitta di una mancata chiusura difensiva e dal limite destro dell'area di rigore pennese è libero di mirare e calciare sul secondo palo freddando D'Amico.
Subìto lo svantaggio il Penne prova a scuotersi, prima con Rossi che raccoglie una respinta al limite dell'area e calcia a lato senza fortuna, poi al 39' prova il blitz capitan D'Addazio che raccoglie di testa un piazzato di Cacciatore ma non riesce ad inquadrare la porta.

Al rientro dagli spogliatoi i biancorossi sembrano più decisi e provano ad alzare il baricentro, ma alla prima palla buona passano ancora i locali sfruttando l'ennesima topica difensiva della difesa pennese che buca centralmente dimenticandosi ancora di Conti, che ha tutto il tempo di controllare e scaricare in porta il pallone del 2-0 e della doppietta personale. Il gol del 2-0 chiude di fatto un match già compromesso, ed a poco servono gli ingressi di Del Biondo e Grande al posto di Cutilli e Serti perchè i biancorossi non trovano sbocchi, con continui errori anche in fase di disimpegno. La Virtus Cupello controlla così con facilità ed al 32' cala il tris con Caniglia che da due passi in area brucia tutti deviando sotto porta un invito di Napolitano che riceve palla indisturbato sull'out destro, si accentra, ed apparecchia l'assist.
Girandola di cambi finali con Di Marco che manda in campo Iezzi, sul fronte opposto mister Carlucci regala i primi minuti a Scopa e Torricella; solo nel finale, a match già ampiamente compromesso, segnali di vita pennesi: al 34' cross di Guerra sul secondo palo per Cacciatore, che controlla ma da buona posizione calcia alle stelle. Al 41' slalom di Guerra in area e conclusione a giro sul secondo palo, su cui l'estremo di casa Di Vincenzo si oppone con un intervento prodigioso in tuffo, sulla ribattuta Del Biondo spara alto.
Al 43' ultima chance con Silvestri che si ritrova un buon pallone sul secondo palo su assist di Leone ma spreca mandando a lato a due passi dalla linea di porta.

Termina così con un'altra secca sconfitta, la quinta consecutiva in campionato, per un Penne incapace di incidere e con il morale sotto i tacchi. Sul fronte opposto grande euforia in casa cupellese, per il settimo successo stagionale in altrettante gare che blinda la vetta solitaria dei vastesi che allungano addirittura a +4 sulla seconda in classifica. Mercoledì si torna ancora in campo nell'infrasettimanale contro la lanciatissima Torrese.

VIRTUS CUPELLO-PENNE 3-0 (1-0)

VIRTUS CUPELLO: Di Vincenzo, Racciatti, Berardi (47'st Di Ninni), Caniglia, Felice, Cardinale, Conti, Ruzzi, Napolitano (36'st Torricella), Colitto (45'st Scopa), Troiano (41'st Donatelli). A disposizione: Di Giacomo M, Di Giacomo L, Tafili. Allenatore: Carlucci

PENNE: D'Amico, Fulvi (38'st Iezzi), Leone, Rossi, Silvestri, D'Addazio, Guerra, Cutilli (17'st Del Biondo), Cellucci, Cacciatore, Serti (24'st Grande). A disposizione: Egidio, Carminelli, Barlaam, Hassan, Cantagallo. Allenatore: Di Marco (Iodice squalificato)

Arbitro: Nazzicone di Avezzano

Reti: 33'pt e 9'st Conti, 32'st Caniglia

Ammoniti: Fulvi, Rossi, Cacciatore, Serti (Penne),