Martedì, 04 Ottobre 2022 | Login
Slide 1
slide-PENNE1.jpg
penneascoli.jpg
previous arrow
next arrow

turrispenneTermina con un pareggio ricco di reti il ritorno di Coppa Italia tra Turris Val Pescara e Penne, con i biancorossi che vanificano nella ripresa il doppio vantaggio della prima frazione e non riescono a ribaltare il risultato sfavorevole dell'andata. Primo tempo agli archivi con match saldamente in mano ai ragazzi di mister Pavone, che vanno sul doppio vantaggio e sfiorano il tris con Di Domizio e Reale. Nella ripresa escono fuori i pescaresi che prima accorciano, poi centrano il pari malgrado qualche reciminazione per un rigore non concesso per fallo su Spadafora sul punteggio di 2-1. Archiviata la Coppa da sabato si inizia a fare sul serio, con i biancorossi che renderanno visita al Favale per la prima di campionato.

Ancora qualche problema di formazione per mister Pavone, che recupera Reale e Di Pentima assenti all'andata per squalifica ma deve rinunciare agli infortunati Iannascoli, Buffetti e Surugiu con Sablone non al meglio che sarà costretto ad abbandonare il campo qualche minuto dopo il suo primo gol in biancorosso. In campo Di Martino sostituisce Bellante sull'out destro della difesa, Petrucci (2004) esordisce a sinistra, in mezzo al campo insieme a Sablone (2003) agiscono Rossi e Reale, in avanti Cacciatore a supporto del tandem Di Domizio-Spadafora.
I locali devono dal canto loro rinunciare al nuovo arrivato Serraiocco, in porta confermato Mastropietro, l'assetto tattico è il medesimo dell'andata con Maiorani che parte dalla panchina, tridente offensivo con il giovane Lazzari, Ragnoli e De Angelis schierato nell'inedito ruolo di attaccante esterno.

Approccio alla partita perfetto per i ragazzi di Pavone che impongono subito il loro gioco all'avversario e sbloccano il match dopo appena tre minuti: sul corner di Cacciatore dalla destra, Mastropietro non trattiene il pallone in uscita, sulla traiettoria irrompe Sablone che a porta sguarnita deve solo appoggiare in rete.
I padroni di casa provano a reagire e trovano anche il pari con Ragnoli che su azione d'angolo spinge in porta da due passi, ma viene fermato dalla segnalazione dell'assistente di linea che annulla per fuorigioco. Qualche minuto dopo Sablone sarà costretto ad abbandonare il campo, sostituito dal pari età Grande. Il Penne dal canto suo torna a spingere, e prima guadagna una serie di pericolosi corner  con Mastropietro che si oppone in uno di questi alla beffarda conclusione di Cacciatore direttamente dalla bandierina, poi al 31' trova il raddoppio con capitan D'Addazio che, sempre su azione d'angolo, è lesto di testa ad infilare l'estremo di casa all'angolino. Proprio in quest'occasione il portiere di casa si infortuna, al suo posto entra il secondo Carità con conseguente sacrificio di Casati costretto ad uscire per lasciar spazio a Mariani per ovviare alla regola dei fuoriquota.
I biancorossi sono ora in pieno controllo e continuano a spingere: passano tre minuti e per poco non arriva il tris con Di Domizio, ben lanciato in area, che salta Carità e calcia verso la porta sguarnita, conclusione debole che favorisce l'intervento in extremis di Cichella bravo a respingere a due passi dalla linea di porta. Proprio in chiusura, occasione gol sui piedi di Reale che calcia in area da buona posizione ma trova l'opposizione di un difensore di casa che devia provvidenzialmente in corner. Prima frazione che si chiude dunque col doppio vantaggio pennese e con le sorti del doppio confronto momentaneamente capovolte.

Al rientro dagli spogliatoi i padroni di casa si riorganizzano e provano ad alzare i ritmi, e dopo un tentativo di Cichella su punizione che termina alto, trovano la rete dell'1-2 con Ragnoli che infila D'Intino con la complicità del palo interno. Mister Pavone prova a mischiare le carte e manda in campo Di Pentima al posto di Petrucci, facendo esordire Fonticoli (2005) che prende il posto di Di Martino. La gara sale di intensità anche agonisticamente e viene decisa, di fatto, in quattro minuti: al 29' altra palla gol ghiotta per i biancorossi con Reale che scavalca Carità ma trova ancora l'intervento decisivo di Cichella che salva la propria porta, poi dopo due minuti Spadafora cade in area su un intervento di un difensore di casa parso netto, non per il direttore di gara che fa proseguire. Sul capovolgimento di fronte è decisiva l'inzuccata del bomber De Angelis che infila D'Intino all'angolino e riequilibra il punteggio. Penne chiamato ora a recuperare due reti di svantaggio, ma i pescaresi sono abili a chiudere tutti gli spazi e sfruttare l'inerzia positiva impressa all'incontro.

Termina così con un pareggio un match che conferma appieno le potenzialità delle due contendenti che si presentano ai nastri di partenza del campionato senza nascondere le proprie ambizioni di alta classifica. Un doppio confronto proficuo insomma in vista dell'avvio del campionato previsto per sabato dove sarà subito vietato sbagliare. Per i biancorossi una trasferta durissima sul campo del Favale neopromosso ma che ha allestito una rosa di tutto rispetto per fare decisamente bene. Sarà solo il primo di un trittico di match terribili che vedrà poi affrontare, in rapida successione, Fontanelle (casa), di nuovo la Turris (trasferta) quindi Teramo (casa). Quattro gare che potranno già dire molto circa le ambizioni della truppa biancorossa.

TURRIS CALCIO VAL PESCARA-PENNE 2-2 (0-2)

TURRIS: Mastropietro (34'pt Carità), Capitanio (30'st Maiorani), Kelly, Casati (34'pt Mariani), Del Greco (41'st Ranalli), Cichella, Rossodivita, Perrotta, Lazzari, De Angelis, Ragnoli. A disposizione: Cilli, Presutti, Tavarozzi, Toledo, Ruscitti. Allenatore: Del Zotti

PENNE: D'Intino, Di Martino (17'st Di Pentima), Petrucci (17'st Fonticoli), Sablone (23'pt Grande), D'Addazio, Sichetti, Rossi, Reale, Spadafora (30'st Barlaam), Cacciatore, Di Domizio (5'st Serti). A disposizione: Falzano, Cirone, Bellante, Di Simone. Allenatore: Pavone

Arbitro: Torricella di Vasto

Reti: 3'pt Sablone (Penne), 31'pt D'Addazio (Penne), 10'st Ragnoli (Turris), 33'st De Angelis (Turris)

Ammoniti: Perrotta, Capitanio, Maiorani (Turris), Di Martino, Grande, Reale (Penne)